Diabete Mellito Apnee Notturne e Russamento responsabili della Iperglicemia

Diabete mellito: apnee notturne e russamento, responsabili della iperglicemia

Anthony Burgess scriveva per far ridere i lettori, “Ridi e il mondo riderà. Russa e dormirai da solo”.

In realtà i disturbi del sonno sono delle patologie serissime, che non inducono per nulla il paziente a ridere poiché possono divenire fatali.
È di pochi giorni la triste notizia di cronaca, comunicata da tutti i giornali nazionali e dalle emittenti televisive, che riguarda la morte di un bambino per apnea notturna.

È ormai accertato che i disturbi del sonno, apnee notturne e russamento, inducano insulino resistenza e consequenzialmente diabete mellito.

L’insulino-resistenza  è un meccanismo biologico secondo il quale le cellule del nostro organismo divengono meno sensibili all’insulina, ormone necessario per consentire il passaggio del glucosio dal sangue alle cellule, riducendo dunque, in condizioni di normalità, la concentrazione del glucosio nel sangue o GLICEMIA.  Quindi si può facilmente dedurre ed affermare  che la insulino- resistenza è l’anticamera del diabete mellito. I disturbi del sonno sono quindi delle patologie responsabili di complicanze neurovascolari e cardiovascolari ma anche metabolici, ossia il diabete mellito. Quindi l’OSAS ( Obstructive Sleep Apnea Syndrome o Sindrome Ostruttiva nel Sonno)  è una malattia da non sottovalutare poiché chi ne soffre ha un rischio maggiore di sviluppare ipertensione arteriosa, infarto o ictus cerebrale oltre ad obesità e diabete mellito, tutte condizioni cliniche che riducono l’aspettativa di vita media del singolo paziente e un scarsa qualità di vita. Ricordiamo che l’OSAS è caratterizzata da ripetuti episodi di occlusione delle vie aeree superiori durante il sonno, che comportano microrisvegli continui, brevi ed inconsapevoli e sono associate ad una pericolosissima riduzione della concentrazione di ossigeno nel sangue.

Assistiamo ancora oggi ad una grande disinformazione riguardo le apnee notturne e il russamento, infatti solo una piccola percentuale di soggetti affetti da OSAS è in cura per risolvere queste patologie nonostante siano patologie che possono divenire anche fatali.  Il paziente spesso non riconosce i sintomi e quindi non si reca dal medico, spesso sono i famigliari che attenzionano il russamento del loro parente e convincono quest’ultimo a recarsi da specialisti che si occupano dei disturbi del sonno per sottoporsi ad esami strumentali e quindi a terapie mirate. I sintomi da attenzionare possono essere:

  • NOTTURNI: russamento, sensazione di soffocamento, sonno frammentato da risvegli, pause respiratorie, sudorazione notturna e, per aumento della concentrazione di anidride carbonica nel sangue, nicturia ossia necessità di urinare spesso durante la notte.
  • DIURNI: scarsa concentrazione, deficit della memoria, stanchezza al risveglio, cefalea, sonnolenza diurna e disturbi dell’umore.

La nostra equipe è specializzata nella cura delle apnee notturne e del russamento, ogni paziente, adulto o bambino, viene seguito dal nostro team che è multidisciplinare, ossia costituita da diversi medici specialisti, specializzati nei disturbi del sonno, ( otorinolaringoiatra, pneumologo, biologa nutrizionista clinica, ortodontista) che agiscono in modo integrato garantendo un percorso di cura altamente personalizzato.

La nostra equipe, responsabile del Protocollo OSAS sul territorio, segue costantemente i pazienti, che soffrono di apnea notturna e/o di russamento, durante tutto il percorso di cura grazie ad apposite attività diagnostiche messe in atto e alle migliori e innovative terapie, prescritte e consigliate  per i nostri pazienti.

In particolar modo viene proposto un check-up per apnee notturne e russamento che si avvale di:

  • Visita otorinolaringoiatrica eseguita da un medico specialista otorinolaringoiatra specializzato in disturbi del sonno. Si eseguirà nel corso della visita una endoscopia delle alte vie respiratorie con fibre ottiche sottilissime ( meno di 2,8 mm di diametro) e di ultimissima generazione, simulando un episodio di apnea mediante manovra di Muller, garantendo una diagnosi accurata.
  • Visita pneumologica ed esecuzione di polisonnografia per studiare il tipo di apnea del paziente
  • Visita nutrizionistica per escludere o evidenziare malattie metaboliche quali obesità, sovrappeso, ipertensione arteriosa, ipercolesterolemia, diabete mellito etc, e programmare un percorso dietetico ( non consistente nella solita e comune dieta prescritta) modernissimo e molto efficace, somministrando al paziente le conoscenze scientifiche acquisite in questo ambito.
  • Visita ortognatodontica per escludere o evidenziare anomalie ed alterazioni della mandibola, della lingua, insomma del distretto cranio-cervico-mandibolare. Ciò permette di prescrivere terapie riabilitative non invasive, semplici e ben tollerati dal paziente.

La nostra equipe offre dunque tutte le migliori terapie per trattare la Sindrome da Apnee Ostruttive nel Sonno o OSAS, tra queste:

  • Terapia comportamentale e posizionale: la terapia comportamentale è eseguita dalla biologa nutrizionista capace di ridurre, in poco tempo, il peso corporeo del paziente obeso o in sovrappeso. Inoltre si occupa di garantire la corretta gestione dell’igiene del sonno , per esempio limitare il fumo, l’assunzione di alcool etc,  progettando insieme al paziente anche una regolare attività fisica giornaliera, che si raggiungerà con moderazione ( per esempio camminata a passo normale, si inizia con pochi minuti sino a raggiungere un’ora al giorno nel tempo). La terapia posizionale consiste in  ausili e consigli che ci permettono di migliorare l’OSAS insegnando al paziente a dormire sul fianco e non in posizione supina. Oggi esistono dei presidi tecnologici in grado di favorire il sonno in posizione laterale e scoraggiano il paziente a dormire in posizione supina che favorisce l’insorgenza dell’apnea e del russamento.
  • Terapia con dispositivi intraorali detti MAD: rappresentano l’alternativa alla CPAP ( ventilazione a pressione costante positiva) ahimè presidio poco tollerato dal paziente perché invasivo.

I MAD sono efficacissimi nel caso delle apnee di entità lieve o medio-gravi, sono dei dispositivi simili ad un bite, che si indossano la notte, non invasivi, leggeri,  sottili, semplici nella gestione e molto tollerati dal paziente. Sono dei presidi che ci hanno garantito risultati brillanti avendo azzerato gli episodi di apnea e di russamento in moltissimi pazienti. Questi dispositivi hanno la funzione di far avanzare leggermente la mandibola e la lingua durante il sonno, aumentando lo spazio respiratorio delle prime vie aeree, in particolare tra la base della lingua, il palato molle e la parete posteriore del faringe. Questi dispositivi necessitano di essere realizzati su misura per ottenere l’efficacia della terapia. Diffidate dei dispositivi universali che esistono in commercio.

  • Terapia Chirurgica Mini-invasiva : la nostra equipe ha una grande esperienza nel trattamento chirurgico mini-invasivo delle apnee nel sonno e del russamento, e offre soluzioni altamente innovative e all’avanguardia. Per ogni paziente si individuano gli interventi necessari in relazione alle patologie nasali o faringe che verranno evidenziate in corso di visita. Sono interventi solitamente ambulatoriali, eseguibili in anestesia locale, indolore, che permettono la paziente di ritornare alle normali attività quotidiane e lavorative immediatamente. A tal proposito vengono utilizzati diversi tipi di Laser o la Radiofrequenza Quantica Molecolare che ci permettono di garantire la” Bio-Surgery”, ossia il rispetto anatomico e fisiologico del tessuto e dell’organo trattato.

Quindi la nostra equipe, ormai radicata sul territorio, offre, ai pazienti che soffrono di apnee notturne e russamento, e  garantisce un percorso completo e serio, dal momento della diagnosi sino al momento della proposta della terapia mirata ed indicata e risolutiva per ogni singolo paziente.  Trattando queste patologie  tempestivamente con terapie mirate, si prevengono patologie cardiovascolari, neurovascolari, metaboliche quali il diabete mellito e l’obesità  nei pazienti adulti, giovani e meno giovani, e nei bambini. A tal proposito la nostra equipe ha trattato con molta soddisfazione e risultati brillanti tanti pazienti affetti da apnea notturna e russamento, molti dei quali utilizzavano la CPAP che è stata da questi abbandonata dopo pochi giorni, ed inoltre è riuscita tempestivamente a correggere alcune condizioni patologiche che potevano nel tempo provocare patologie cardiologiche e neurologiche irreversibili.

Inviaci email

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *